La Storia di "OK"
1983 - 1986 le edizioni di Gigi Sabani


 
The Price Is Right

Ideato dagli statunitensi Mark Goodson e Bill Todman, il gioco a premi "The Price is Right" va in onda per la prima volta il 26 novembre 1956 sulle frequenze del network televisivo NBC, condotto da Bill Cullen; questa primitiva versione dello show si conclude nel 1965, ma dal 4 settembre 1972 viene ripreso dal network CBS con una nuova formula, presentato da Bob Barker: il programma riscuote un grande successo e diventa negli anni il gioco più popolare degli USA, così come il suo presentatore che rimarrà in carica per ben 35 edizioni, ritirandosi a giugno 2007. Dall'autunno dello stesso anno il programma passa nelle mani di Drew Carey, che ne prosegue attualmente il successo pluridecennale.
Il format di "The Price is Right" è uno dei più venduti nelle televisioni di tutto il mondo, per altre curiosità visitate la nostra sezione  FORMAT .

Bob Barker, presentatore dal 1972 al 2007

 

il logo della 35esima edizione

 

il nuovo conduttore Drew Carey

 

Drew e Bob, aprile 2009

 
   
   
Edizione 1983/84
 

Con il titolo "OK, il prezzo è giusto!", il gioco a premi fa il suo ingresso nel panorama televisivo italiano alle 20.25 di mercoledì 21 dicembre 1983, con la conduzione di Gigi Sabani. E' uno dei primissimi format stranieri acquistati dalla Fininvest, e con cadenza settimanale lo propone per primo il network Italia 1
Realizzato negli studi di Antenna 3 Lombardia situati a Castellanza (Varese) e diretto dal regista Antonio Gerotto, il programma si caratterizza per la durata di 2 ore nelle quali si svolgono 8 Giochi, inframmezzati dalle spassose imitazioni del presentatore (sovente accompagnato dal chitarrista Santi Isgrò); fanno parte del cast della trasmissione anche la Voce fuori campo Raffaella Bragazzi e tre Vallette incaricate di presentare i premi in gioco. 
Il motivo della sigla di chiusura è il brano di Naima and Papagayo "Brasileiro Train".  

La scenografia dello studio è ideata da Graziella Evangelista, la storica scenografa di casa Fininvest; il set è molto simile a quello della versione americana, e si compone di semplici elementi: la platea del pubblico, dove siedono i 150 potenziali concorrenti di "OK", e il banco delle postazioni con display sistemato davanti ad essa; una "home-base", ovvero un palco con a fianco una pedana girevole che cela gli Oggetti-Invito (che poi il conduttore ribattezzerà "Apriti, Sesamo!"), postazione davanti alla quale Sabani conduce parte della trasmissione; tre Vetrine, grandi portali con ante a scomparsa dietro le quali si nascondono i premi in palio.
Gli elementi del set sono caratterizzati da gradazioni cromatiche, prevalentemente tonalità di grigio nei pannelli delle Vetrine e attorno al pubblico, e di diversi colori nelle cornici dei portali; anche tutti i tabelloni dei Giochi (curati da Egle Zanni) richiamano i motivi cromatici del set fisso.

Soprattutto per l'entità dei premi in palio, come automobili, pellicce, elettrodomestici, arredamenti, viaggi, il programma ottiene da subito un ampio successo di pubblico, vincendo il Telegatto 1984 nella categoria Giochi e Quiz; nella primavera 1984 la Editrice Giochi mette in commercio anche il gioco da tavolo di "OK", che viene regalato ai concorrenti che sorteggiati in trasmissione non sono riusciti a superare l'Oggetto-Invito. La prima edizione del programma si conclude con la puntata del 27 giugno 1984.

   
   

 

La sigla iniziale e l'entrata di Gigi Sabani nella prima puntata di "OK"

il gioco da tavolo

   
   
Edizione 1984/85
 

Dopo la pausa estiva "OK, il prezzo è giusto!" riprende con formula invariata da mercoledì 12 settembre al 26 dicembre 1984, totalizzando con l'edizione precedente 44 puntate; in alcune puntate di questa edizione autunnale, tra le vallette vediamo agli esordi Alba Parietti.

Il programma riapre i battenti mercoledì 13 marzo 1985 per una serie di 18 nuove puntate, nelle quali vengono introdotte consistenti novità: le registrazioni si trasferiscono allo studio 10 di Cologno Monzese, dove viene allestita una nuova scenografia; vengono importati dall'America nuovi Giochi, in particolare quelli che prevedono vincite in denaro, prima quasi del tutto assenti nella versione italiana; nelle prime 5 puntate la regia è di Peter Ledermann, al quale fa seguito Silvio Ferri che diventerà il regista storico della trasmissione.

Il nuovo set ideato da Graziella Evangelista è meno simile a quello americano: prevalentemente di colore bianco, la novità più importante è la presenza di due "home-base" con pannello girevole, anziché una sola (una è impiegata nell'allestimento di alcuni Giochi, nell'altra vengono mostrati gli Oggetti-Invito); tutti i portali hanno un logo di "OK" e cornici luminose al neon bianche e colorate.

Nella prima puntata in onda dal nuovo studio i concorrenti sono 11 vip che gareggiano per beneficenza, tra
loro alcuni dei personaggi più amati delle reti Fininvest dell'epoca come Amanda Lear, Carmen Russo, Andrea Giordana, Ric e Gian, Enrico Beruschi.
Aggiudicatosi il secondo Telegatto nell'edizione 1985, "OK" ha anche una nuova sigla di coda, la canzone dei Ricchi e Poveri "Voulez vous danser".

l'entrata di Gigi nei due studi di questa stagione

   
     

la nuova scenografia di Graziella Evangelista, allestita nello studio 10 di Cologno Monzese

   
   
Edizione 1985/86
 

La terza stagione del quiz prende avvio il 2 ottobre 1985, terminando il 25 giugno 1986: confermate le imitazioni del presentatore Gigi Sabani, che in quest'annata televisiva è impegnato anche nella conduzione di "Buona Domenica" su Canale 5, a fianco di Maurizio Costanzo; da ottobre a dicembre, sponsor della trasmissione sono i supermercati Sidis, con il concorso "OK, il peso è giusto!". 

La puntata del 25 dicembre 1985 vede nuovamente la partecipazione straordinaria dei vip che giocano per beneficenza, tra loro Claudio Villa, Oriella Dorella, Lando Buzzanca, Franco e Ciccio, Iva Zanicchi e molti altri.
 
Curiosità: durante questa stagione televisiva lo studio di registrazione del quiz è condiviso con il programma mattutino di Canale 5 condotto da Iva Zanicchi "Facciamo un affare", format che ha una certa somiglianza con "OK": ha lo stesso regista, Silvio Ferri, nel gioco si utilizzano le Vetrine e l'impianto scenico è molto simile, la sua scenografia infatti viene sovrapposta a quella di "OK".

il set del quiz di Canale 5
"Facciamo un affare"

   

 

 
 

HOME

1986 1989 1994 1996 1999